Pensieri e parole su “L’agenda rossa di Paolo Borsellino”

Buonasera a tutti,

ho appena finito di leggere un libro: L’agenda rossa di Paolo Borsellino edito da chiarelettere.

Questo libro narra in maniera cronologica e analitica tutti e 56 giorni dalla Strage di Capaci alla Strage di Via D’Amelio. Sia dal punto di vista sociale che da quello politico, trasmette sensazioni ed emozioni stupenda nella corsa contro il tempo che il Magistrato Paolo Borsellino compie. Il libro mette in risalto la consapevolezza che il Magistrato aveva capito che “sarebbe toccato a lui”, fin dal primo giorno successivo alla strage di Capaci, che vide coinvolto il collega ed amico Giovanni Falcone, sua moglie Francesca Morvillo e gli uomini della scorta Vito Schifani, Rocco Dicillo, Antonio Montinaro. Questa consapevolezza e maturità lo portarono ad annotare le sue scoperte investigative, frutto soprattutto degli incontri con i pentiti che talvolta si fidavano solo di lui, i suoi dubbi, le sue perplessità sull’effettiva volontà dello Stato a “chiudere il cerchio” contro la mafia, su una agenda di colore rosso.

Questa agenda era, come sempre, dentro la sua borsa, ma è sparita subito dopo l’attentato che gli è costato la vita. Si vede in un video solo l’allora capitano dei carabinieri Giovanni Arcangioli portare via la borsa del Magistrato e, i primi di agosto di quest’anno, la Corte di Cassazione ha dichiarato che non «si può ritenere opera» di Arcangioli, che pure fu «tra i primi ad accorrere sul luogo» dell’attentato, «la sottrazione dall’interno della borsa» dell’agenda: circostanza «del tutto inverosimile se si considera lo spazio di tempo ristrettissimo a sua disposizione e il teatro del fatto in cui era convenuta tutta una folla di operatori di polizia». Quindi questa agenda rossa è sparita.

Fantastica la ricostruzione cronologica degli autori Giuseppe Lo Bianco, Sandra Rizza a cui però vorrei dire che, magari, se avessero narrato un po’ di più, probabilmente la lettura sarebbe stata più piacevole. 🙂

Per il resto consiglio a tutti questo libro. Fa capire veramente come la mafia è accanto a noi negli atteggiamenti omertosi, nelle piccole cose e non ce ne rendiamo neanche conto.

Diego

Annunci

Ci vorrebbero più persone così

Buonasera,

vi scrivo inusualmente di sera, poiché mi sono appena commosso nel vedere un video su facebook che trattava di mafia ed antimafia. Giuseppe Gatì, Dott. Antonino Caponnetto, Giorgio Ambrosoli e immancabilmente Paolo Borsellino (a 17 anni e 1 giorno dalla sua morte nella strage di Via d’Amelio) e Giovanni Falcone.

Vi lascio con alcune frasi di Paolo Borsellino proprio nei giorni che intercorrevano dalla strage di Capaci, dove morì Giovanni Falcone il 23 maggio 1992, e la sua morte il 17 luglio 1992:

  • Siamo uomini morti che camminano.
  • Mi uccideranno, ma non sarà una vendetta della mafia, la mafia non si vendica. Forse saranno mafiosi quelli che materialmente mi uccideranno, ma quelli che avranno voluto la mia morte saranno altri.
  • Politica e mafia sono due poteri che vivono sul controllo dello stesso territorio, o si fanno la guerra o si mettono d’accordo (ndr adesso non si stanno facendo la guerra).
  • Mi uccideranno, ma non sarà una vendetta della mafia, la mafia non si vendica. Forse saranno mafiosi quelli che materialmente mi uccideranno, ma quelli che avranno voluto la mia morte saranno altri.
  • Chi ha paura muore ogni giorno, chi non ha paura muore una volta sola.

Saluti,

Diego