Pubblicato il programma del PGDay 2012

È stato finalmente pubblicato e reso noto il programma del PGDay, che prevede due percorsi paralleli, uno di livello intermedio e l’altro ricco di tutorial per coloro che si avvicinano anche per la prima volta a PostgreSQL.

Ospiti graditi della comunità internazionale saranno Simon Riggs (code committer di PostgreSQL) e Andres Freund (sviluppatore) che terranno il “Keynote speech” sugli sviluppi in corso per l’aggiunta della replica Multi-Master in PostgreSQL.

Nella sezione generale, oltre a delineare le novità della versione 9.2, verranno affrontati argomenti come migrazioni da Oracle a PostgreSQL, integrazione PostgreSQL/Java con JCA, alta disponibilità, monitoraggio, unit testing, noSQL e JSON.

Nella sezione tutorial, verrà presentato il progetto PostgreSQL, un intervento utile sia per i neofiti che per coloro che già conoscono Postgres. Si parlerà inoltre di stored procedure, analisi dei log (per valutazione performance e monitoraggio), scalabilità (database di grandi dimensioni), di funzioni window e degli indici GiST.

Infine, è stata riservata una sessione speciale per i “lightning talk“, che danno la possibilità a tutti i partecipanti di diventare protagonisti per 5 minuti (tassativi), salendo sul palco e condividendo le proprie esperienze e i propri progetti con Postgres.

Si segnalano inoltre eventi sociali sia la sera del giovedì 22 che del venerdì 23, subito dopo l’evento. Di particolare rilievo è la PGBistecca, cena con bistecca alla fiorentina in un noto ristorante tipico, nel centro storico di Prato (posti limitati).

Fonte: http://2012.pgday.it/pubblicato-il-programma-del-pgday/

Annunci
Pubblicato su Informatica, PostgreSQL. Tag: , , , , , , , , , , , . Commenti disabilitati su Pubblicato il programma del PGDay 2012

PGDay Italiano 2011: Call for paper

Alla vigilia dell’uscita di PostgreSQL 9.1, lo staff dell’Italian PostgreSQL Users Group (ITPUG) è lieto di annunciare che sono aperte le selezioni per paper, interventi, seminari e tutorial relativi al PostgreSQL Day (PGDay) 2011. L’evento, giunto alla quinta edizione, si terrà a Prato il 25 novembre 2011.

Il PGDay è la giornata nazionale dedicata interamente a PostgreSQL, il più avanzato database Open Source al mondo. Durante l’evento sviluppatori, amministratori, traduttori, appassionati e in generale membri della comunità italiana ed internazionale possono incontrarsi, scambiarsi idee, informazioni e apprendere tutte le ultime novità su PostgreSQL.

All’evento parteciperanno ospiti della comunità internazionale PostgreSQL che terranno talk (in lingua inglese) sullo stato dell’arte del progetto.

    Durante il PGDay 2011 vi saranno:

  • talk regolari (ricerca nel campo dei database, algoritmi e ottimizzazioni, tecniche di amministrazione, disaster recovery, replica, programmazione)
  • lightining talks (talk brevi, ad esempio per far conoscere il proprio progetto legato a PostgreSQL)
  • tutorial (mini corsi per facilitare l’apprendimento e l’adozione di estensioni, librerie, e altro legato al mondo PostgreSQL)
  • sessioni interattive di laboratorio, ove sarà possibile apprendere e mettere in pratica immediatamente le nozioni acquisite, sperimentando le feature di PostgreSQL.

Per tenere un talk al PGDay 2011 occorre inviare il proprio lavoro al comitato di revisione. Il lavoro verrà attentamente revisionato per l’accettazione e gli autori saranno notificati circa l’accettazione/rifiuto del talk.

E’ possibile prenotare un posto per stand, inviando i dettagli circa il prodotto (o i prodotti) che si intendono esibire al comitato di revisione. E’ possibile presentare anche prodotti non OpenSource, avendo però cura di specificare la licenza e il legame con PostgreSQL, nonché i vantaggi derivanti dall’uso di PostgreSQL e gli eventuali contributi forniti alla comunità. E’ inoltre possibile presentare servizi correlati a PostgreSQL, ad esempio consulenza e hosting, presentando in maniera dettagliata al comitato di revisione le modalità di fruizione dei servizi stessi.

Per presentare un tutorial su argomenti avanzati di amministrazione o programmazione di un cluster PostgreSQL è necessario inviare il proprio lavoro al comitato di revisione illustrando dettagliatamente il materiale didattico, le necessità hardware/software e gli eventuali requisiti minimi per la partecipazione al tutorial stesso. Tutti i tutorial devono includere una demo interattiva e possono durare al massimo 60 minuti. Il materiale didattico (ad esempio dispense, code snippets, howto, ecc.) è completamente a carico del relatore (o dei relatori) del tutorial, e deve essere disponibile gratuitamente in forma stampata o elettronica ad ogni partecipante.

E’ possibile fare richiesta immediata per la presentazione di un lightining-talk (massimo 5 minuti) inviando l’argomento e la scaletta del talk al comitato di revisione. E’ tuttavia possibile registrarsi direttamente all’evento per discutere un lightining-talk, previa autorizzazione degli organizzatori e disponibilità di slot di tempo.

Per inviare il proprio lavoro occorre scrivere una e-mail a pgday2011@itpug.org entro e non oltre il 16 Ottobre 2011, avendo cura di specificare le seguenti informazioni:

  • autore/i del lavoro e relatore designato (è possibile presentare un lavoro congiunto con un massimo di tre relatori);
  • titolo del lavoro e contesto scientifico/applicativo. Nel caso si tratti di un tutorial specificare in modo esplicito la natura e lo scopo del tutorial stesso;
  • un abstract di massimo 2000 parole che spieghi in maniera dettagiata e concisa il lavoro stesso;
  • le eventuali risorse necessarie (connessioni Internet, computer per demo) e la loro disponibilità da parte dell’autore/i;
  • il tempo stimato per il talk. A tal fine si tenga presente che un singolo talk non puo’ superare la durata massima di 30 minuti e non puo’ durare meno di 5 minuti (lightning talk). Nel caso di tutorial la durata minima deve essere di 30 minuti e la durata massima di 60 minuti.

Le informazioni di cui sopra devono essere inviate in formato testuale o PDF, non saranno accettati altri formati.

La commissione di revisione si riserva il diritto di valutare le informazioni pervenute e di richiederne ulteriori qualora necessario.

Tutti i lavori pervenuti (talk, lightining talks, tutorial) e accettati dovranno essere preparati per la presentazione in accordo alle linee guida che verranno fornite agli autori.

Per maggiori informazioni, visitate il sito 2011.pgday.it oppure seguici su Twitter @PGDayIT2011 .

Il Comitato Organizzatore
Associazione Culturale ITPUG – Italian PostgreSQL Users Group
www.itpug.org

Riferimenti e contatti:
* Sito web: http://2011.pgday.it/
* Twitter: https://twitter.com/#!/PGDayIT2011
* E-mail per informazioni: pgday2011@itpug.org


Share

Pubblicato su Informatica, open source, PostgreSQL. Tag: , , , , , , , . Commenti disabilitati su PGDay Italiano 2011: Call for paper

PostgreSQL 9.0 Release Candidate 1

Buonasera a tutti,

il 28 agosto scorso è stato postato sul portale della comunità la disponibilità della Release Candidate 1 di PostgreSQL 9.0.

Cliccando qui potrete vedere come poter testare la Release.

Ecco cosa è previsto nella nuova versione di PostgreSQL.

Personalmente, credo che questa versione abbia fatto fare un bel passo avanti a PostgreSQL per il mondo enterprise.

Ciao ciao,

a presto… 🙂

Diego


Share/Bookmark

Pubblicato su Informatica, open source, PostgreSQL. Tag: , , , , , , . Commenti disabilitati su PostgreSQL 9.0 Release Candidate 1

Migliorìe di OpenOffice 3.2

Buonasera a tutti,

proprio dopo qualche giorno dalla grande sentenza giunta dalla Corte Costituzionale, e da qualche giorno in più dalla creazione di un forum completamente italiano di discussione su OpenOffice vorrei parlarvi un po’ delle migliorìe della più famosa suite d’ufficio Open Source.

Prima di tutto il progetto OpenOffice è una suite completa di ufficio che consente di scrivere e leggere documenti nei formati più diffusi dalle case produttrici di codice chiuso e nei formati ODT, standard ISO. Consente inoltre una facilissima esportazione nel formato PDF e la sua diffusione è libera! Potete consigliarlo ad amici, parenti, conoscenti o studiarne e modificarne il codice se volete!

Ha al suo interno un elaboratore testi (writer), foglio di calcolo (calc), uno strumento per creare presentazioni (impress), un elaboratore grafica e diagrammi (draw), un gestore di database (base) e uno strumento per scrivere equazioni matematiche (math).

Una cosa sempre “rinfacciata” a OpenOffice è stata la lentezza nella prima esecuzione all’avvio. L’utente che non riusciva a sopportare ciò rimpiangeva vecchie suite, quasi scocciato, e parlava quasi male di OpenOffice. Dalla versione 3.2 il tempo di avvio si è quasi dimezzato (i risultati variano in base al sistema operativo e all’hardware utilizzato)! 🙂

Una delle paure del nuovo utente è “ma ho sempre usato un’altra suite, come faccio?”. OpenOffice supporta tutti i formati propetari più conosciuti, anche tra i più recenti, sia in lettura che scrittura. Credo, personalmente, che la comunità abbia usato un sistema di reverse engineering.

Comunque, signori, provare non costa niente. In molti già lo usano o provano. I download in italiano sono stati 651. 917 nel mese di gennaio 2010 (21.030 al giorno). Provate e fatemi sapere! 🙂

Ciao, alla prossima.

Caro candidato

Ciao a tutti,

voglio scrivere di una consueta iniziativa dell’Associazione per il Software Libero in vista delle prossime elezioni, intitolata “Caro Candidato”.

Si tratta di una forma di “contratto” tra il candidato e l’elettore nel quale il primo si impegna a promuovere lo sviluppo, l’uso e la diffusione del software libero nel caso in cui venisse eletto.

Fate circolare la notizia, proponete di diffonderla ai vostri vicini di casa, alle associazioni cui fate parte e chiunque possa essere interessato al mondo dell’Open Source. Oggettivi e documentati sono ormai i benefici che questo può portare se utilizzato e condiviso.

vota per il software libero! (banner)

Ciao a tutti e grazie per la certa collaborazione,

condividete su facebook, twitter e/o qualsiasi altro social network!!! 🙂

PostgreSQL compilato sul mio Mac OS X

Buonasera a tutti,

stasera scriverò di come sono riuscito a compilare PostgreSQL 8.4.2 sul mio Mac.

Non è stata una “impresa” molto semplice. Tutte le guide che ho trovato su internet a giro mi davano problemi con librerie C o con roba non molto semplice da capire al volo. Fino a che non ho trovato una guida sul sito della apple che mi ha risolto tutti i problemi.

Chiaramente ho effettuato alcune modifiche alle istruzioni che mi diceva di eseguire per personalizzarmi l’installazione, ma vi spiego tutto qui di seguito.

Per prima cosa necessitiamo di installare Fink: un progetto molto utile, che ci aiuta a compilare progetti ideati per sistemi Unix su Mac OS X. Basta seguire (ma prima è necessario studiarsele un pochino) sul sito ufficiale. Prima di installare Fink, assicurarsi che la versione che stiamo per installare sia compatibile per il nostro Mac.

Una volta installato Fink, dobbiamo installare readline, che ci serve per proseguire con l’installazione.

Mi sono preparato il tar.gz dei file sorgenti di PostgreSQL della versione che ho preferito (8.4.2, attualmente l’ultima) dal sito ufficiale della comunità di PostgreSQL e l’ho messo sotto /usr/local/src.

Adesso si può procedere con l’installazione vera e propria.

MacBook-di-Diego:~ diegocinelli$ cd /usr/local/src
MacBook-di-Diego:~ diegocinelli$ sudo sh
Password:
sh-3.2# mkdir postgres
sh-3.2# cd postgres
sh-3.2# cp ~/Downloads/postgresql-8.4.2.tar.gz .
sh-3.2# tar -xzvf postgresql-8.4.2.tar.gz
sh-3.2# cd postgresql-8.4.2

adesso siamo dentro ai file sorgenti di PostgreSQL: compiliamoli.

sh-3.2#
./configure --with-includes=/sw/include/ --with-libraries=/sw/lib
sh-3.2# make
sh-3.2# make install

Adesso (se tutto è andato bene) PostgreSQL. Ci manca da creare l’utente per il database e inizializzare il primo db.

L’utente è facilmente creabile da Preferenze di Sistema, selezionando Account e poi Nuoto Utente. Dopo aver inserito le informazioni richiesteci, clicchiamo su Salva.

Creazione di un utente postgres

Bene, adesso inizializziamo il database.

A differenza della guida ufficiale dal sito della apple, ho inizializzato la directory PGDATA specificando l’encoding a UTF-8. Quello di default è SQL_ASCII (personalmente uso sempre utf-8 e mi ci trovo benissimo).

Costruiamo al directory PGDATA:

sh-3.2# mkdir /usr/local/pgsql/data
sh-3.2# chown postgres /usr/local/pgsql/data

accediamo come utente postgres
sh-3.2# su -l postgres

Adesso finalmente inizializziamo la directory PGDATA:

MacBook-di-Diego:~ postgres$ /usr/local/pgsql/bin/initdb -D /usr/local/pgsql/data -E=UTF8 --locale=it_IT.UTF-8

Adesso (e tutte le volte che vorrete) che è tutto pronto, connettiamo al db con psql in questo modo.

Fai login come postgresql se non lo hai fatto ancora.
su -l postgresql

Digli dove sono i comandi (mettilo nel class path)
export PATH=$PATH:/usr/local/pgsql/bin

Fai partire il server (loggato come postgresql)

pg_ctl start -D /usr/local/pgsql/data/

Connettiti.
psql

Adesso sei connesso come proprietario del DB. Puoi creare database, schemi e farne tutto quello che vuoi. Buon divertimento.

Ciao,
Diego

Pubblicato su Informatica, open source. Tag: , , , , . Commenti disabilitati su PostgreSQL compilato sul mio Mac OS X

PostgreSQL Day 2009

Si svolgerà il 4 dicembre prossimo all’Università di Pisa la terza edizione del PostgreSQL Day, la conferenza nazionale sul database open-source più avanzato al mondo. Seminari tecnici, tutorial introduttivi e casi d’uso si alterneranno durante la giornata. La partecipazione è gratuita.

Prato, 17 novembre 2009. L’associazione culturale ITPUG – Italian PostgreSQL Users Group è orgogliosa di annunciare il terzo Convegno Nazionale dedicato a PostgreSQL (PGDay) che si terrà a Pisa il 4 Dicembre 2009.

L’evento è patrocinato dal Dipartimento di Informatica dell’Università di Pisa ed è una iniziativa all’interno del T-OSSLab, centro di competenza regionale toscano sull’Open-Source.

Il PGDay 2009 si propone di promuovere e divulgare l’utilizzo di PostgreSQL come strumento libero e completo per la gestione di basi di dati, una valida alternativa a soluzioni proprietarie per la rimozione del vendor lock-in e capace di ridurre il costo di proprietà totale (TCO).

Le principali categorie di utenti interessate all’utilizzo di PostgreSQL sono:

* piccole / medie imprese
* pubblica amministrazione
* scuole e università (anche e soprattutto per motivi didattici)

L’evento rappresenta un’occasione per gli utilizzatori e gli sviluppatori italiani di fare comunità, di conoscersi e di creare una rete concreta di professionisti che operano con questo prodotto di eccellenza per la gestione di basi di dati relazionali e a oggetti.

Il PGDay è articolato in una serie di talk, seminari, presentazioni e workshop pratici che si svolgeranno in parallelo.

L’associazione culturale non-profit ITPUG invita tutti gli appassionati, gli studenti e i professionisti a partecipare all’evento. Il programma è in fase di definizione. Gli appassionati di PostgreSQL possono tenersi informati consultando periodicamente il sito www.pgday.it.

Il PostgreSQL Day 2009 si svolgerà presso il Dipartimento di Informatica dell’Università di Pisa.

La partecipazione è gratuita, ma per motivi logistici si richiede la registrazione obbligatoria.

Riferimenti e contatti:

* Sito web: http://www.pgday.it/
* Programma: http://www.pgday.it/programma
* Registrazione: http://www.pgday.it/registrazione
* Partner: http://www.pgday.it/partner
* Campagna pubblicitaria: http://www.pgday.it/campagna_pubblicitaria
* E-mail per informazioni, proposte, presentazione di case-study: info@itpug.org

Pubblicato su Informatica, open source, PostgreSQL. Tag: , , , , . Commenti disabilitati su PostgreSQL Day 2009